Casalnuovo. Parrucche ai malati di cancro? No grazie…

FotoGaetano

di Gaetano Fioretti

Casalnuovo di Napoli – “Contributi a sostegno dell’acquisto di parrucche a favore di pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia. Ieri abbiamo approvato in giunta la proposta che consentirà alle donne di accedere al fondo: un supporto economico e psicologico importante per chi lotta contro il cancro. Nei prossimi giorni sul sito del Comune sarà pubblicato il modello di domanda per richiedere l’agevolazione

Questo ha scritto sui social il sindaco di Casalnuovo di Napoli Massimo Pelliccia.

Una iniziativa lodevole se fossero state chiarite tante cose prima di approvare la delibera di giunta con cui si erogano questi contributi. Iniziativa lodevole, forse per un territorio diverso da Casalnuovo alla luce degli scandali che hanno interessato il nostro paese negli ultimi tempi. Ma viviamo in un mondo in cui non si può contestare il “politicamente corretto” ed è sconsigliabile dire qualcosa “fuori dal coro”.

Invece no, me ne frego.

Se avessi il cancro non vorrei una parrucca, piuttosto vorrei capire come è possibile che nell’area ex Moneta, dove l’amministrazione vuole fare il parco pubblico per i bambini di Casalnuovo, è stato trovato amianto al punto che i lavori sono stati bloccati da tempo immemore.

Se avessi il cancro vorrei capire a chi bisogna chiedere per avere delle centraline fisse dell’Arpac sul tutto il territorio in modo da monitorare al meglio la qualità dell’aria che respiriamo.

Se avessi un familiare con il cancro non vorrei una parrucca, piuttosto vorrei capire cosa succede nelle aree dismesse, spesso a ridosso di aree residenziali, in cui viene trovato di tutto, come dimostrano inchieste attualmente in atto.

Se avessi il cancro non vorrei una parrucca, vorrei capire la percentuale di benzene e di inquinanti eventualmente presenti nell’aria. Vorrei capire le cause di quei valori, vorrei una amministrazione al mio fianco in questo.

Ecco, se avessi il cancro vorrei che l’amministrazione venisse a spiegarmi quali sono i siti ad alto impatto ambientale presenti sul territorio e quali iniziative sono state poste in essere per ridurre eventuali rischi ambientali o eventualmente per favorire la dislocazione di questi impianti.

Se avessi il cancro quante altre cose vorrei dalla mia amministrazione.

Se avessi mio padre con il cancro, comprerei io volentieri la parrucca. Vorrei che i negozianti vendessero la parrucca e che l’amministrazione facesse l’amministrazione.

Se avessi mio padre con il cancro vorrei che l’amministrazione mi aiutasse a capire come è possibile che mio padre, magari insieme a tanti altri, in una determinata zona ha il cancro.

Iniziativa lodevole, ma prima di erogare questi contributi mi sarei aspettato qualche chiarimento…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...