Casalnuovo. Ma come si combatte la criminalità ? Con la costituzione di parte civile?

FotoGaetano

di Gaetano Fioretti

Il Sindaco Pelliccia afferma dalla sua pagina Facebook “ La lotta alla criminalità si fa tutti i giorni, con atti concreti ”.

Ma dove?? Dove sono questi atti concreti? E se ci sono, sono bastati ?

Si è parlato molto di Casalnuovo negli ultimi anni. E non sempre bene! Pensiamo alle problematiche relative al commercio. Pensiamo all’omicidio dinanzi alla scuola in via Napoli. Ricordiamo il degrado dovuto a quella colonia di ratti che “abitavano” dinanzi allo stabile dove risiedeva l’ASL. Non possiamo dimenticare il dissenso espresso dagli abitanti della 219 che lamentavano mancanza di acqua e presenza consistente di topi e blatte che determinava una situazione di estremo disagio igienico. Pensiamo al proiettile inviato al Presidente del Consiglio Comunale. Ricordiamo cosa è successo nel cimitero. Ecco, in quest’ultimo caso l’amministrazione si presenta come parte civile in un processo balzato agli onori della cronaca. Ma è sufficiente la costituzione di parte civile per poter parlare di lotta alla criminalità?

La criminalità si combatte annullando il disagio. Si combatte facendo nascere nei cittadini, abitanti delle periferie come del centro, la consapevolezza che le istituzioni ci sono. Sempre. Per i ratti, per le blatte o contro la camorra. Sempre.

Si afferma, anche a livello nazionale, quanto sia importante combattere il degrado, promuovere il decoro urbano per debellare la criminalità. Quella criminalità che vive grazie all’assenza ed all’abbandono delle istituzioni.

Riqualificazione e recupero delle aree più degradate, l’eliminazione di fattori di marginalità e di esclusione sociale e la prevenzione della criminalità devono accompagnarsi ad una politica capace di incidere in modo netto riguardo livelli di coesione sociale e di convivenza civile. Essenziale nella lotta alla criminalità è senz’altro anche un indirizzo politico diretto alla promozione ed al rispetto del decoro urbano.

Ecco, alla luce di questo, cosa è stato fatto a Casalnuovo? E’ stato fatto abbastanza? I commercianti, i cittadini delle periferie, la parte debole della nostra comunità, i disoccupati, gli imprenditori che lottano per creare valore aggiunto, sentono la presenza dello Stato, della Regione, del Comune e di questa amministrazione?

Secondo alcuni, così si combatte la criminalità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...